16.03.19 22:30

Mostri Sacri -Come è profondo il mare – omaggio a Lucio Dalla-

Musica

52082394_316197012365393_843813687566270464_n

Dopo il soldout del 1 Febbraio, e dopo le tantissime richieste, Mostri Sacri Festival insieme a Nuovo Teatro delle Commedie, decide di chiudere la sua prima kermesse, proprio come l’ha iniziata, con lo spettacolo omaggio a Lucio Dalla.

COME è PROFONDO IL MARE
omaggio a Lucio Dalla
NOVI – GUIDI – PRATELLI – MANNUCCI interpretano Lucio Dalla

Quattro artisti, provenienti da percorsi e strade diverse, si
incontrano per omaggiare le canzoni, l’ironia e la poesia di
Lucio Dalla.
Tommaso NoviLuca GuidiGiulia PratelliGio Mannucci
hanno un legame molto forte con la musica del cantautore
bolognese, consolidato nel tempo e raccontato anche in
alcune delle loro canzoni. Ognuno a suo modo, in punta di
piedi, i cinque cantautori interpretano Dalla nelle sue diverse
sfumature. “Come è profondo il mare”, “Anna e Marco”,
Futura”, “Cara” sono solo alcuni dei capolavori rivisitati in
questo spettacolo che fa luce anche su brani meno famosi
dell’artista bolognese ma sempre fondamentali per scoprire
tutte le caratteristiche di uno dei padri della musica italiana.

GLI ARTISTI
Tommaso Novi, pianista e cantautore pisano, già parte del
duo “I Gatti Mézzi”. Nel 2017 esce “Se mi copri rollo al
volo”, il suo primo album solista, osannato dalla critica e
acclamato dal pubblico. Ha da poco pubblicato il libro “Mi
sono scavato la casa” (Ouverture).

Luca Guidi, chitarrista e cantautore livornese. Ha scritto
canzoni per artisti come Mauro Ermanno Giovanardi e il
Sinfonico Honolulu. Nel 2017 pubblica assieme a Luca
Carotenuto un album di inediti dal titolo “L’Epoca d’oro” e al
momento lavora al suo primo album da solista.

Giulia Pratelli, cantautrice pisana, ha collaborato con artisti
del calibro di Fiorello, Marco Masini, Enrico Ruggeri. “Tutto
bene” è il suo album di inediti uscito nel 2017 e prodotto da
Zibba. Nel 2018 vince il Premio Inedito Colline di Torino, il
miglior testo al Premio Lauzi e si classifica terza al Premio
Lunezia.

Gio Mannucci, ha pubblicato 5 album con band come
Sinfonico Honolulu e Mandrake. Ha collaborato con l’artista
americana Lisa Papineau (Big Sir; Air). “Acquario” (nov 2017)
è il suo primo disco da solista, prodotto da Ale Bavo
(Subsonica, Levante, Mina). E’ tra i 5 vincitori del concorso “Mai in Silenzio” 2018 con il brano “La ballata dell’amore malato” che aveva in giuria tra gli altri Brunori Sas e Irene Grandi.

Con loro sul palco Daniele Catalucci, bassista dei
Virginiana Miller e membro dell’Orchestracz, ha collaborato
con Mauro Ermanno Giovanardi per l’album “Maledetto colui
che è solo” (Targa Tengo 2013 come “miglior disco di
interprete”).

Ti piace questo post?


Con il sostegno della Regione Toscana